Il Mondo Maggioli


Le nostre attività integrate affiancano la Pubblica Amministrazione, i Liberi Professionisti e le Aziende nel semplificare i processi e migliorare i servizi

Soluzioni e Servizi
Tecnologia e conoscenza sono le nostre passioni e il modo con cui siamo sempre riusciti a rispondere alle richieste di un mercato in continua evoluzione
 
Rassegna stampa

PNRR e Pubblica Amministrazione, tante attese nonostante la crisi

Quali sono le aspettative degli enti pubblici sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, e quali i timori legati all'attuale scenario politico ed economico? L'analisi di Gruppo Maggioli e The Innovation Group.

I progetti del #PNRR Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza sono iniziati e il rilancio della Trasformazione Digitale nella Pubblica Amministrazione è in corso. Per indagare quali siano le attività avviate per promuovere l'implementazione dei progetti del Piano, quali i benefici attesi e le problematiche incontrate, le previsioni sul rispetto delle scadenze e le capacità di spesa, Gruppo Maggioli e The Innovation Group hanno condotto, tra giugno e luglio 2022, la survey "New Normal e Trasformazione Digitale della PA", a cui hanno risposto 151 enti pubblici di tutte le dimensioni (e in prevalenza enti locali, come Comuni, Province, Comunità montane, Unioni di Comuni).

Il mondo occidentale sta vivendo un periodo di crisi economica e crescita dell'inflazione, causate dalla shortage economy, una stagione di scarsità di materie prime e di semilavorati, oltre che da un'impennata dei prezzi del gas e dell'energia. Il perdurare di condizioni difficili di approvvigionamento anche in un contesto post pandemico, il continuo peggioramento della situazione macroeconomica nei mesi del conflitto russo ucraino ci spingono a chiederci quali effetti avrà la situazione sulle iniziative legate al Piano e, in particolare, sui processi di innovazione digitale.

Nel settore pubblico, anche se meno colpito rispetto a quello privato, il 69% degli intervistati ritiene comunque che le misure adottate dal Governo non siano state ad oggi efficaci nel contrastare la crescita dell'inflazione. Il conflitto e la nuova situazione geopolitica stanno cambiando gli scenari: si fanno pressanti i temi della sovranità tecnologica, della politica industriale e dell'autonomia del Paese in molti settori critici. Per molti intervistati, la guerra in Ucraina e lo scenario geopolitico che si sta delineando stanno modificando l'attuale modello di globalizzazione, e il tema che preoccupa di più è che l'Italia possa risentire della guerra in Ucraina e delle sue conseguenze più di altri Paesi, data la sua vocazione manifatturiera e la scarsa disponibilità di materie prime.    

Aspettative e incognite su PNRR e digitalizzazione

Il giudizio sui progetti del Pnrr e sugli impatti che avranno nel settore pubblico è ampiamente positivo. L'unanimità quasi dei rispondenti (l'82%) ritiene che i progetti legati al Piano dovranno proseguire dopo la scadenza dello stesso, un giudizio che conferma l'importanza che il cambiamento ha assunto nella PA.

Il PNRR servirà alle Pubbliche Amministrazioni italiane soprattutto ad accelerare la digitalizzazione (secondo il 46% delle risposte), a introdurre nuove competenze (36% delle risposte) e a dotarsi di processi più efficienti (32%) e meno burocrazia (29%), a sviluppare servizi pubblici di maggiore qualità (29%). Il coinvolgimento degli enti pubblici in iniziative legate al PNRR è piuttosto ampio: il 75% delle amministrazioni intervistate afferma di aver avviato attività a supporto dell'implementazione del PNRR. Con riferimento alle attività e alle strategie promosse dagli enti per supportare l'implementazione dei progetti del Piano, nella maggior parte dei casi (31% dei casi) si tratta di consultazioni delle fonti informative ufficiali, ma alcuni hanno anche avviato semplificazioni amministrative (25%) e riorganizzazioni interne (24%). Inferiori invece le risposte relative a: Assunzione di personale specializzato come previsto dal PNRR (effettuata solo dal 17% dei rispondenti)  Ricorso al supporto di società di mercato (15% delle risposte)  Rivisitazione dei piani di investimento/strategie di budget (14% delle risposte).

Permane inoltre un certo pessimismo sulle capacità, sia delle PA centrali, sia delle PA locali, di spendere in modo efficiente le risorse europee; di rispettare le scadenze stabilite dall'Unione Europea e dagli Avvisi/Bandi; di implementare i progetti del Pnrr e programmare i finanziamenti dei progetti del Piano nei modi e nei tempi prefissati. Per tutti questi aspetti, il giudizio risulta in media inferiore alla sufficienza.

Gli ostacoli che secondo gli enti potrebbero ritardare la realizzazione o l'implementazione dei progetti del Piano sono individuati in:

  • complessità legislativa/burocratica (48% delle risposte);
  • scarsa capacità amministrativa da parte dei soggetti attuatori (PAC, aziende, enti locali) (48% delle risposte);
  • mancanza di competenze (44%) e difficoltà della PA nel recepire e supportare i cambiamenti legati al piano (33%).

Un elemento positivo sembra invece essere il fatto che freni, come la mancanza di riforme adeguate e i tempi troppo stretti del Piano, siano indicati come problemi solo, rispettivamente, dal 27% e dal 22% degli intervistati. Anche il contesto macroeconomico e geopolitico non è visto come un freno rilevante allo sviluppo del PNRR, per lo meno nel settore pubblico, che sta quindi procedendo come da programma in una situazione diversa da quella prevista inizialmente.

Per far luce su questi temi e per capire come stiano procedendo gli investimenti del Pnrr, The Innovation Group organizza a Roma, dal 17 al 19 ottobre, il suo annuale "Digital Italy Summit", giunto alla settima edizione. Anche quest'anno il summit ospiterà autorevoli rappresentanti della politica e della Pubblica Amministrazione, di università, centri di ricerca e imprese. All'interno della manifestazione è in programma, in particolare, un evento dedicato alla Pubblica Amministrazione, il "PA Summit". Informazioni e registrazioni: Digital Italy Summit 2022

10 ottobre 2022
Posted: 10/10/2022 12:41:35 by | with 0 comments

Continua a leggere

Notizia

Il Piano Triennale per l'Informatica 2024-2026: fondamentale la cybersecurity per una digitalizzazione sicura della Pubblica Amministrazione

Il Piano Triennale per l'Informatica rappresenta una guida chiave per l'evoluzione dei servizi digitali in Italia. Nell'ambito di un'ampia strategia di aggiornamento, il piano si allinea agli obiettivi del PNRR e pone una significativa attenzione al tema della cybersecurity, dedicando un intero capitolo alla sicurezza informatica.

27 febbraio 2024
Rassegna stampa

Favignana avanza nell'era digitale: il Gruppo Maggioli guida la rivoluzione

Il Comune delle isole Egadi investe nella digitalizzazione dei servizi per una maggiore efficienza e accessibilità

26 febbraio 2024
Rassegna stampa

Al Comune di Poggibonsi è online il nuovo sito web

Contenuti e veste grafica rinnovati e adeguati alle disposizione AgID. Un progetto del Gruppo Maggioli, finanziato dal PNRR Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

19 febbraio 2024
Rassegna stampa

Intelligenza artificiale, applicazioni cruciali per assistenza, diagnostica e monitoraggio

Salute, intelligenza artificiale e digitalizzazione: le aziende italiane rappresentano un’eccellenza internazionale, punta avanzata della ricerca e sviluppo in questo settore. Insieme ad altre realtà del settore il Gruppo Maggioli si è confrontato nel laboratorio della Winter School 2024 che si è tenuta a Cernobbio.
13 febbraio 2024